HIKIKOMORI, RITIRO SOCIALE E NUOVE TECNOLOGIE.

Qualche giorno fa ho assistito alla conferenza del dott. Michele Procacci sul “Ritiro Sociale” ed uno dei temi principali trattati è stato l’uso delle nuove tecnologie, ovvero se e come può influire sul ritiro sociale.

Cercherò di definire meglio il “Ritiro Sociale” nel mio prossimo articolo perché si tratta di una dimensione piuttosto complessa mentre per oggi vorrei concentrarmi su una domanda cardine che il dott. Procacci ha posto e che giro a tutti voi: “Un uso smodato delle nuove tecnologie favorisce il ritiro sociale o il ritiro sociale porta all’uso delle nuove tecnologie?”

Il sentire comune porterebbe a propendere per la prima ipotesi. Da quando anche in Italia si è cominciato a parlare di “Hikikomori” (letteralmente “tirare indietro”, “ritirarsi”), una condizione per cui una persona si chiude nella propria stanza per lunghi periodi di tempo, mesi o addirittura anni, interrompendo qualsiasi rapporto personale, anche con i propri familiari, e qualsiasi tipo di occupazione, dal lavoro allo studio, tale condizione è stata spesso associata ad un uso eccessivo delle nuove tecnologie perché spesso queste persone, chiuse nella loro stanza, passano molto tempo davanti alla tv, al pc, al tablet o allo smartphone.

Se è vero che l’uso smodato delle nuove tecnologie possa in alcuni casi portare allo sviluppo di una dipendenza dalle stesse e ad un graduale ritiro sociale, è altrettanto vero che non accade sempre così. Lo dimostrano ad esempio alcuni giovani campioni di videogiochi, che pur trascorrendo numerose ore alla console tutti i giorni, continuano a mantenere un stile di vita normale, andando a scuola o al lavoro e mantenendo intatta la propria rete familiare e sociale.

E’ inoltre importante considerare che esistono persone che si ritirano dal mondo per altri motivi (ve ne parlerò nel prossimo articolo) e in questi casi le nuove tecnologie diventano l’unico strumento per mantenere un minimo contatto con il mondo esterno.

Provate a mettervi nei loro panni, chiusi per ore, per giorni, per mesi in una stanza: che cosa fareste? Non provereste tristezza, solitudine ma anche una noia infinita? Non cerchereste quindi un modo per far passare ore che sembreranno interminabili? Capirete da voi che in questi casi, le nuove tecnologie possono essere considerate da queste persone una risorsa e non un male. Tra l’altro possono diventare una risorsa anche per chi cerca di aiutare queste persone perché possono diventare un mezzo per entrare in contatto con loro e curarle. In questo senso si sta aprendo tutto un filone di ricerca proprio per capire se, quando e come la tecnologia possa essere utilizzata con efficacia in favore della salute psicologica dei pazienti.

Tornando quindi alla nostra domanda di partenza probabilmente sono vere entrambe le ipotesi ma vorrei aggiungere che proprio per questo le nuove tecnologie non debbano essere demonizzate. Di sicuro hanno generato un cambiamento epocale nel nostro stile di vita, non ne conosciamo ancora appieno gli effetti e forse non abbiamo ancora preso bene le misure rispetto ad un corretto utilizzo ma non per questo bisogna trincerarsi dietro facili pregiudizi. Cerchiamo di tenere la mente aperta e di valutare tutte le possibilità, sospendiamo il giudizio almeno per il momento. Ricordo di aver letto in qualche articolo, che anche l’avvento della tv nelle case degli italiani negli ’50 era stato vissuto con un certo allarmismo. Addirittura si ipotizzava che avrebbe decretato la fine del cinema. A distanza di 70 anni possiamo affermare che non si sono verificate catastrofi particolari.

Resta il fatto che il tema dei vantaggi e svantaggi relativi all’uso delle nuove tecnologie è molto interessante per tutti noi per cui mi riprometto di affrontarlo in uno dei mie prossimi articoli.

Restate connessi perché c’è ancora tanto di cui parlare. Se volete dire la vostra e dare un vostro contributo siete sempre accetti. A presto!

Dr.ssa Pinton Michela

ragazzo solo seduto su uno sgabello che guarda il suo smartphone sotto un riflettore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.